Come creare Instagram Stories di successo - Social Media Change

Come creare Instagram Stories di successo

Pubblicato sabato, 26 gennaio 2019 in Instagram
Instagram Stories

La Stories Mania è ormai inarrestabile: 400 milioni di persone in tutto il mondo ogni giorno sfruttano questi contenuti “effimeri e memorabili” per dare informazioni, interagire con amici e familiari, consacrare attimi di vita strategici e anche per cavalcare nuove opportunità di business. Buffer e Delmondo hanno analizzato 15.000 Instagram Stories dai 200 top brand mondiali per scoprire gli elementi chiave per il successo. Non è solo il report più grande mai realizzato, ma anche una guida perfetta per far funziona davvero le tue Stories.

Curiosi di scoprire cos’è emerso? Allora continuate a leggere!

Instagram Stories

10 secondi di foto o 15 secondi di video sono sufficienti per emergere e farsi ascoltare nel mare magnum di Instagram? Con questi accorgimenti potrete riuscirci!

  1. Pubblicare da 1 a 7 Stories al giorno Numero ottimale stories

La lunghezza ottimale della vostra sequenza di Stories quotidiana non dovrebbe essere eccessiva. Il rischio è un crollo del tasso di completamento, cioè del numero di visualizzazioni che riceve ciascuno dei clip che avete condiviso. Non si tratta di un limite assoluto, per cui il miglior consiglio che possiamo darvi è sperimentare finchè non trovate la misura perfetta per la vostra audience!

 

Orari Instagram Stories

  1. È meglio pubblicare fuori dagli orari di lavoro

Per una massima resa è consigliabile pubblicare dalle 4 alle 6 del mattino, dalle 8 alle 10, da mezzogiorno alle 14 e dalle 20 alle 22. Un dato abbastanza logico: le Stories sono per propria natura più impegnative rispetto ad un semplice post, anche per via del parlato o della musica che spesso vengono inseriti. Ci avevate mai pensato?

 

 

  1. Parti col piede giusto!

Solitamente le persone escono al primo e all’ultimo frame della sequenza di Stories, quindi è importante catturare subito l’attenzione e poi condurli nel tuo racconto frammento dopo frammento. Airbnb, ad esempio, svela progressivamente il contenuto, rivelando la risposta solo nell’ultima Story. Perché non inserire anche delle Call To Action per spingere gli utenti a proseguire?

Airbnb Stories

  1. La semplicità premia!

Non serve sbizzarrirsi con contenuti complessi o eccessivamente stravaganti, le persone amano le Storie semplici e di facile decodifica. Lo stesso Guardian ha constatato che le Stories più semplici hanno superato le performance dei video prodotti professionalmente. In fin dei conti, le 24 ore in cui il contenuto è online potrebbero legittimarci a non dare (apparentemente) troppo peso alla forma e al contenuto.

Adesso tocca a voi sperimentare! Come vuoi sfruttare il canale attualmente più coinvolgente sui Social?

 

 

Federica Miceli

Social Media Strategist
Social Media Strategist per passione e vocazione. Credo nel marketing umano e nella funzione degli strumenti Social come facilitatori di rapporti offline.

Articoli correlati

Nessun articolo correlato!