BIT Milano - Antonio Maresca e il Web Marketing turistico - Social Media Change

BIT Milano – Antonio Maresca e il Web Marketing turistico

Pubblicato mercoledì, 22 marzo 2017 in Turismo, Web Marketing
bit

C’è un evento che si tiene ogni anno a Milano dal 1980 e che rappresenta la fiera legata al turismo più importante d’Italia e tra i più importanti al mondo. Avete già capito, stiamo parlando della BIT – Borsa Internazionale del Turismo!
Dal 2 al 4 aprile ci saremo anche noi e, grazie a Sicaniasc Hospitality, avremo l’onore di raccontare live ciò che accade durante quest’evento così importante per il mondo del travel. Per noi amanti del Web Marketing è un’occasione imperdibile!

Antonio Maresca Prima di partire, però, abbiamo curiosato nella vita e nel lavoro dei grandi professionisti del turismo che saranno protagonisti della BIT. Come Antonio Maresca, consulente e docente di Web Marketing Turistico. Curiosi di scoprire il punto di vista del nostro esperto? Continuate a leggere!

Ciao Antonio e grazie per averci dedicato il tuo tempo. Iniziamo parlando un po’ di te. Ti definisci “anziano digitale”, com’è nato quest’appellativo?
La spietata verità anagrafica e l’anzianità professionale mi hanno “costretto” ad adottare questa definizione 🙂

Il tuo compito è guidare nella giusta direzione le aziende e i professionisti concentrandoti sul Web Marketing. Hai perfezionato nel tempo un metodo particolare?
Il metodo del buon senso. Negli anni ho capito che le grandi differenze passano dal fare bene le piccole cose. Non ho un metodo, provo ad avere rispetto dei fondamentali.

Pensi che una consulenza di marketing di questo tipo sia appannaggio dei big del turismo oppure è alla base di una qualsiasi attività alberghiera?
Non penso che un supporto consulenziale sia prerogativa delle sole grandi aziende. Ritengo che un supporto formativo ed operativo rappresenti l’ideale approccio per qualsiasi attività turistica. Sostengo che pagare per imparare a fare meno errori, costi meno che fare errori senza pagare.

C’è chi con Internet c’è nato e chi ha dovuto imparare a conviverci. Credi che questa tua caratteristica ti aiuti particolarmente nella tua attività?
Assolutamente, è l’unico vantaggio dell’invecchiare. Aver vissuto la transizione dall’analogico al digitale percependone le dinamiche del cambiamento è di fondamentale aiuto.

Entriamo in un tema scottante, il difficile equilibrio tra vendite dirette e intermediate. Arginare le OTA e puntare a maggiori prenotazioni dirette è ormai la sfida di ogni albergatore. Pensi possa essere una battaglia reale o si rischi di lottare contro i mulini a vento?
Penso fortemente che ci siano ampi margini di ottimizzazione dell’intermediazione. Mai arrendersi, il percorso è possibile, bisogna crederci ed investire in maniera intelligente e sostenibile sulla comunicazione ed il marketing aziendale.

Arriviamo al sodo. Puoi dirci tre pro e tre contro delle transazioni alberghiere intermediate online?
Non ho tre indicazioni da darti, posso solo dirti che c’è un’intermediazione buona ed una cattiva. Il gioco è spostare il peso dalla cattiva alla buona. L’intermediazione buona è necessaria per integrare l’occupazione diretta. Quella cattiva, invece, è subdola e provoca una forte dipendenza.

Quanto è importante secondo te la formazione nel settore turistico?
E’ fondamentale, il futuro delle aziende del settore passa da un percorso di consapevolezza del cambiamento ed da una continua formazione. La conoscenza è l’unica arma che hanno gli imprenditori turistici per competere con i grossi intermediari.

Quanti spunti interessanti! Non vediamo l’ora di partecipare alla BIT per snocciolare le suggestioni che ci ha lasciato Antonio. L’avete segnato in agenda? Dal 2 al 4 aprile ci vediamo a Milano!

Federica Miceli

Social Media Strategist
Social Media Strategist per passione e vocazione. Credo nel marketing umano e nella funzione degli strumenti Social come facilitatori di rapporti offline.

Articoli correlati

Nessun articolo correlato!